Inter vince soffrendo a Pescara ma la strada è lunga.

0
103

L’Inter esce vittorioso dall’Adriatico di Pescara con una doppietta di Icardi ma la vittoria non è sinonimo di grande squadra in quanto, sono tantissime le lacune della squadra di De Boer in tutti i reparti e il vantaggio della neo promossa Pescara li evidenzia tutte.

La partita stenta a decollare ma l’Inter ha bisogno fortemente di questa vittoria in quanto sarebbe la prima in campionato. De Boer schiera dall’inizio Candreva, Perisic e Joao Mario ma il centrocampo non riesce a trovare idee concrete per mandare a rete gli attaccanti neroazzurri tra cui Icardi che non riesce a trovare palle buone per almeno tutto il primo tempo.

Pescara - Inter

I primi 45 minuti si concludono con un nulla di fatto e con solo un tiro importante di Banega al 35′ minuto. L’Inter soffre il ritorno del Pescara che diventa veloce e inaspettato negli ultimi 30 metri specialmente con Caprari e Verre.

Pescara - Inter

Al 63′ minuto il Pescara passa in vantaggio con il nuovo entrato Bahebeck ruba il tempo ad D’Ambrosio e butta la palla dietro le spalle di HandanovicSembra di vivere un incubo per i tifosi interisti ma De Boer decide di stravolgere la squadra ed ecco che introduce Palacio, Eder e Jovetic al posto di Candreva, Perisic e Medel.

Pescara - Inter

Cambia il centrocampo e cambia anche il modulo, si passa ad un 4-2-4 un segno forte che fa capire quanto l’Allenatore dell’Inter voglia questa vittoria. Questa mossa porta il centrocampo ad essere più creativo e quindi arrivano i primi tiri alla porta di Bizzarri, infatti al 77′ minuto arriva quindi il primo Gol di Icardi di testa. Acquisito il pareggio l’Inter cerca la vittoria e sembra arrivare con Palacio che al 90′ minuto si ritrova da solo davanti al portiere ma sbaglia inesorabilmente.

Pescara - Inter

Pochi secondi dopo però è Icardi a punire nuovamente il Pescara e la squadra di Oddo chiude con una sconfitta ma con delle note positive importanti. De Boer invece dovrà cercare di trovare delle soluzioni se vuole puntare al terzo posto in campionato anche se, quando parla di Juventus probabilmente la spara grossa, affermando che la sua Inter potrebbe batterla, di certo, non quella vista ieri sera.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here