Totti è l’Imperatore di Roma, nessuno come lui in questi anni si è aggiudicato così tanto l’amore dei tifosi e dell’intera città. Il diluvio ha cercato di sospendere la partita e di mandare tutti a casa ma nel secondo tempo, entra il Capitano sempre eterno e risolve la partita a modo suo ma, andiamo con ordine.

Roma - Sampdoria

Primo tempo tutto Doriano anche se Salah firma il vantaggio romano, poi con i gol Muriel al 20′ minuto e Quagliarella al 41′ minuto la Sampdoria trova il vantaggio, tutto sembra facile ma poi, arriva la pioggia incessante e fortissima che costringe l’arbitro a sospendere la partita sperando che questa possa riprendere più tardi.

Roma - Sampdoria

Passano ben 80 minuti prima che si rientri in campo alle 17,05 e Spalletti consegna una Roma diversa all’Olimpico introducendo Totti e Dzeko, quindi il fantasista (forse l’ultimo numero 10 in Italia) e la punta. Proprio questo cambio porta sul campo una Roma totalmente diversa, con più idee, più voglia di gioco e tanta voglia di vincere e infatti, dopo un salvataggio in extremis del portiere doriano arriva il pareggio di Dzeko imbeccato dal solito Totti.

Roma - Sampdoria

Il Capitano però ha ancora tante belle palle da poter dare ai due attaccanti Salah e Dzeko e infatti fino all’ultimo si cerca fortemente la vittoria finché non arriva al 47′ minuto l’occasione di un’intera partita: Totti lancia il bosniaco che viene agganciato in area da Skriniar, per Giacomelli è rigore che l’Imperatore di Roma si appresta a battere. L’Olimpico è immobile e tutti aspettano il tiro del Capitano che dopo qualche istante non si fa attendere e arriva quel Gol che rilancia la Roma e il nome di Totti.

Lo stesso Spalletti non può fare a meno di ringraziare il suo Capitano che dopo 23 anni continua ad andare in Gol nella sua città: Di Totti in campo ce ne vorrebbero almeno 5!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here