Suso Fernandez, pochi giorni fa in un’intervista, aveva dichiarato che, nel caso di doppietta durante il derby sarebbe tornato a casa a piedi, dallo stadio di San Siro. Ebbene, la doppietta c’è stata, anche se non è bastata a far vincere al Milan il match che, sino a quasi l’ultimo minuto, sembrava chiuso, prima del col di Ivan Perisic.

Sebbene non abbia mantenuto la promessa, deluso forse dal risultato della partita che sembrava ormai vinta, Suso è uno degli emblemi di questo Milan. Del resto è giovane (23 anni) e gioca molto bene. Sa il fatto suo, insomma, e ora sta dimostrando a tutti di cosa è capace, nonostante un inizio non proprio scoppiettante.

Del resto, è stato Montella a credere fortemente in lui e nel suo modo di giocare e, quando a gennaio si avrà il cambio di dirigenza, allora potrà avere un ruolo ancora più importante all’interno di una squadra che ha deciso di ritornare a essere e a sognare in grande.

Dopo la partita, però, rimane un po’ di amaro in bocca e lo dimostrano le dichiarazioni di Montella, l’allenatore che sta riuscendo nuovamente a sbloccare la squadra, collezionando successi e risultati utili. Nonostante il pareggio con l’Inter, Montella non ha perso il sorriso e ha fatto delle dichiarazioni ben precise, che lasciano intuire che in casa Milan si guarda al futuro.

“I miei giocatori vadano a dormire sorridenti per lo spirito che riescono a trasmettere, anche se sono usciti dal campo senza vittoria. Vedo il bicchiere pieno, perché la classifica è bella. E se l’Inter, costruita per lo scudetto, festeggia questo risultato come se avesse vinto, un po’ di soddisfazione c’è”.

SHARE