Milan: da dove arrivano i fondi cinesi per la seconda caparra?

I cinesi usano un conto delle Isole Vergini per pagare la seconda caparra per l'acquisto del Milan.

Stando a quanto si legge in un documento del mese di dicembre 2016, i soldi per la seconda caparra (100 milioni), che sono stati versati dalla Sino Europe Sports (SES) a Fininvest, al fine di procedere nell’iter per l’acquisto del Milan, sono stati prelevati e trasferiti da un fondo che ha sede nelle Isole Vergini.

A dirlo, come sottolineato, un preciso documento di ben 33 pagine, che è stato pubblicato sul noto sito Calcio&Finanza. In poche parole, il fondo Willy Shine International Holding Limited, che ha la sua sede principale alle Isole Vergini, ha versato, in seguito a un accordo intercorso tra le parti, al fondo Rossoneri Sport Investment, che è lo strumento che Sino Europe sta utilizzando per concludere l’operazione Milan, la cifra di 830 milioni di dollari di Hong Kong, che sono pari al cambio odierno di circa 102 milioni di euro.

Sono stati gli stessi cinesi ad aver dichiarato, un giorno prima, di essere pronti a versare la caparra che serve per far sì che il closing per l’acquisto del Milan ci sia il 3 marzo 2017. Dato che ne hanno versati già 200 milioni, ora mancano solo 320 milioni di euro per finalizzare l’acquisto della squadra che passerà così dalle mani di Berlusconi a quelle dei cinesi.

SHARE