De Boer

A De Boer i tre mesi passati ad allenare all’Inter sono sembrati un’eternità. Nello specifico, stando a quello che ha dichiarato proprio recentemente, questi tre mesi sono stati percepiti come se fossero un intero anno di lavoro, su una panchina per lui troppo scomoda.

Ma c’è di più e per capirlo basta leggere questa dichiarazione:

Non volevo andasse così. Questa esperienza mi ha portato via un sacco di energie: tre mesi mi sono sembrati un anno

C’è del rammarico, quindi, per l’esperienza finita male, ma anche tanta stanchezza nelle parole del mister che, come detto, ha rilasciato una lunga intervista al De Telegraaf, durante la quale non si è tirato indietro dal rispondere alle tante domande fatte sulle sue difficoltà incontrate nel periodo in cui allenava l’Inter.

“Ho ricevuto la proposta di allenare la squadra una decina di giorni prima dell’inizio della stagione, poi ho dovuto anche superare la barriera linguistica: è stato tutto difficile. La preparazione, praticamente, l’abbiamo fatta durante il campionato. Speravo che il club mi desse più tempo, almeno questa era l’idea iniziale: i dirigenti del club sapevano che non ero un tecnico da progetto breve“.

A chi gli chiede se questa esperienza, breve e abbastanza difficile, lo abbia danneggiato, De Boer risponde che non crede perché, in ogni caso, ha allenato un club molto prestigioso a livello mondiale, come l’Inter.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here