Sappiamo tutti che la Juventus voleva festeggiare lo scudetto proprio in casa della Roma, sua diretta concorrente nella corsa al primo posto. Tuttavia, anche questa settimana, la festa per lo scudetto in casa Juve deve essere rimandata, dato che i giallorossi hanno vinto di misura.

Roma Juventus 3-1

La festa, quindi, deve essere rimandata, perché in campo la squadra di Allegri si è trovata dinanzi a una Roma in piena forma, intenzionata a vincere. De Rossi, El Shaarawy e Nainggolan sono solo alcuni dei nomi che hanno brillato nella partita di ieri.

Ecco, quindi, che la Roma spiazza la Juventus, battendola con 3 gol a 1. Ma non solo, con la vittoria, infatti, la squadra è anche riuscita a tenere ancora il Napoli lontano dal secondo posto e si è quasi messa in tasca la partecipazione diretta alla Champions.

La Juve, invece, per festeggiare dovrà attendere la prossima partita, in casa con il Crotone anche se, come sappiamo, prima dovrà giocare la finale di Coppa Italia contro la Lazio.

Nainggolan e Perotti sono entrambi in campo e questa è la decisione di Spalletti, mentre Allegri sceglie un 4-3-3, senza Dybala, Barzagli, Marchisio, Chiellini, Dani Alves e Alex Sandro, che devono rimanere in forma per la finale di Champions.

La Roma deve vincere, mentre alla Juve basta pareggiare. Già dai primi 5 minuti si capisce che la Roma è in forma. Perotti trasforma spesso il 4-2-3-1 in 4-2-4, ma dopo qualche minuto la Juve inizia a pressare e sfiora il gol con Asamoah. Loro il primo gol, al 21esimo:  lancio Sturaro per Higuain che fa assist a Lemina per l’1-0. Festa iniziata? No, dopo solo 4 minuti pareggio della Roma con De Rossi e da lì è dominio giallorosso. Nel secondo tempo, i gol di El Shaarawy e Nainggolan segnano il 3 a 1 e la Juve non può che rimandare la festa.

SHARE